Arte visite 160

Shepard Fairey, in arte Obey Giant: stickers e manifesti memorabili

2 min

Nato nel 1970 e cresciuto nella Carolina del Sud, l’artista e illustratore statunitense Shepard Fairey, conosciuto maggiormente come Obey Giant, si diploma all’Accademia d’arte nel 1988.

L’anno seguente si mette subito all’opera e fa parlare di sè grazie al lavoro di street art “André the Giant Has a Posse“, realizzando stickers che riproducono il volto di un famoso lottatore di wrestling, per l’appunto André the Giant, fenomeno mediatico del momento. Dopo aver riempito i muri della propria città con questi adesivi attaccati ovunque riscuote notevole successo e nascono i suoi seguaci, che riproducono lo stile dell’opera con svariati personaggi famosi.

andre-the-giant-has-a-posse

andre-the-giant-obey

obey

Nel 1998, in concomitanza con il lancio del sito mozilla.org, Shepard Fairey ridisegnò la mascotte per il browser open source Mozilla, che per anni fu rappresentato da un Tyrannosaurus rex rosso.

mozzilla-tirannosauro-rex

In misura maggiore il successo arriva nel 2008 e porta Obey alla ribalta in tutto il mondo, conferendogli una fama internazionale. Il tema è sempre lo stesso, la riproduzione di un viso con uno stile unico. Questa volta però il soggetto è Barack Obama, candidato democratico per la Casa Bianca. Il manifesto “Hope” (speranza) ha accompagnato tutta la campagna elettorale diventando icona della stessa, un modello destinato ad essere replicato negli anni seguenti da artisti e grafici di tutto il mondo.

manifesto-hope

hope-obey

hope-obama-shepard-fairey

Dopo “Hope”, apparvero accostati all’opera altre parole, ossia “Change” e “Vote”. Pare quindi indubbio l’accordo di collaborazione tra l’artista Farey e quello che sarebbe poi diventato il Presidente degli Stati Uniti d’America, seppure mai ufficializzato. Ciò pare sia anche dovuto al fatto che la street art si muove sempre sul sottile confine dell’illegalità, difatti i manifesti erano affisi per strada illegalmente. Tuttavia dopo il successo Obama inviò una lettera di ringraziamento che recitava: “Ho il privilegio di essere parte della tua opera d’arte e sono orgoglioso di avere il tuo sostegno”.

Di certo Obey rappresenta oggi uno dei maggiori rappresentati di street art in circolazione.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo. Condividi l'articolo


Articolo a cura di: Del Re Valerio
Dott. in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Sono l'ideatore del blog Robadagrafici.com e mi occupo di comunicazione visiva, grafica e web, per le aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

arte

Arte

Installazioni d’arte retinate in Plexiglas di Soo Sunny Park

1 minUno spettacolo mozzafiato si è presentato agli occhi dei visitatori che hanno…

arte

Arte

La vita in multiesposizione di Christoffer Relander

1 minIn un mondo super-tecnologico e iper-specializzato è fondamentale comprendere le proprie attitudini…

arte

Arte

La Street art conquista la scuola, il murale 3D di Gaeta

1 minLa Street Art conquista sempre più pubblico e si esprime in forme…