Arte visite 1080

Mobile Lovers di Banksy venduto a 500 mila euro per salvare un circolo

1 min

Ricordate l’opera “Mobile Lovers” di Banksy? Il murale è quello che ritrae due giovani ragazzi stretti in un abbraccio amoroso, ciascuno dei quali appare distratto dal cellulare che tiene in mano ed osserva. Bene, l’opera è stata donata dall’artista di strada ad un circolo per ragazzi di Bristol, il “Broad Plain Boy Club”, al fine di essere venduto per evitarne la chiusura dovuta a problemi economici.

mobile-lovers-di-banksy

dettaglio-mobile-lovers-di-banksy

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo
Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo

La rimozione di “Mobile Lovers” e la donazione di Banksy

L’idea di rimuovere l’opera “Mobile Lovers” per venderla era venuta ai responsabili del circolo, costretti a trovare una soluzione estrema per salvare il club. La polizia aveva poi preso possesso del quadro per questioni di copyright e l’aveva esposto nel museo cittadino. Lo stesso Banksy con una lettera affidava in seguito la proprietà dell’opera al circolo di Bristol, riconoscendo l’utilità di questa vendita.

lettera-di-banksy

mobile-lovers-al-circolo

mobile-lovers-al-museo

Il murale, che era stato realizzato su un pannello di legno, è stato rimosso dalla posizione originaria e venduto alla straordinaria cifra di circa 500 mila euro, una vera manna dal cielo per il circolo, che ha ben pensato di condividere i fondi ottenuti con altri circoli della città originaria dell’artista di strada Banksy, maestro di street art e di solidarietà.

E pensare che c’è qualcuno che ha avuto la fortuna di acquistare un’opera di Banksy per pochi dollari.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.
Articolo a cura di: Del Re Valerio
Dott. in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Sono l'ideatore del blog Robadagrafici.com e mi occupo di comunicazione visiva, grafica e web, per le aziende.
Condividi l'articolo
Se questo articolo ti è piaciuto, ti chiedo solo di condividerlo sui social.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *