Web e code script visite 11

Foto e dati sull’autore nei risultati di ricerca Google

2 min

Da un po’ di tempo vi sarete sicuramente accorti che in maniera sempre maggiore accanto ai risultati delle ricerche su Google appaiono le informazioni relative all’autore, ossia il nome, la foto e il numero di cerchie in cui l’autore è inserito nel social network Google+.
Sono molti i metodi descritti su internet, ma noi abbiamo utilizzato e vogliamo descrivervi il più affidabile, quello consigliato dallo stesso Google, tra l’altro molto semplice.
Attraverso pochi passi, e nel giro di poco tempo, potrai avere gli stessi effetti sui tuoi post. Requisito imprescindibile è avere un profilo su Google+ con una foto riconoscibile. Se ancora non ne hai uno, registrati subito, dopodichè scegli l’opzione per te più conveniente.

OPZIONE 1:

Collega i tuoi contenuti al profilo Google+ utilizzando un indirizzo email verificato

  1. Verifica di avere un indirizzo email (ad esempio, valerio@robadagrafici.com) nello stesso dominio dei contenuti (robadagrafici.com).
  2. Assicurati che ogni articolo o post pubblicato in tale dominio abbia una fonte che ti identifica come autore in modo inequivocabile (ad esempio, “Da Valerio Del Re” o “Autore: Valerio Del Re”).
  3. Visita la pagina relativa alla Proprietà dei contenuti e invia il tuo indirizzo email a Google. Devi applicare tale procedura solo una volta, indipendentemente dal numero di articoli o post pubblicati nel dominio. L’email verrà visualizzata nella sezione Contributore di del profilo Google+. Se desideri mantenere privata la tua email, modifica la visibilità del link.
  4. Per sapere quali dati sull’autore Google può estrarre dalla pagina, utilizza lo strumento di test dei rich snippet

OPZIONE 2:

Imposta la proprietà dei contenuti collegandoli al profilo Google+

Se non hai un indirizzo email nello stesso dominio dei contenuti questa è l’opzione che fa per te.

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo
Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo

  1. Crea un link al profilo Google+ dalla pagina web, in questo modo:
      <a href="[profile_url]?rel=author">Google</a>

    Sostituisci [profile_url] con l’URL del tuo profilo Google+, in questo modo:

      <a href="https://plus.google.com/109412257237874861202?
       rel=author">Google</a>

    Il tuo link deve contenere il parametro ?rel=author. Se manca, Google non sarà in grado di associare i tuoi contenuti al profilo Google+.

  2. Aggiungi un link reciproco che dal profilo rimandi al sito appena aggiornato.
    1. Modifica la sezione ”Contributore di”.
    2. Nella finestra di dialogo visualizzata, fai clic su Aggiungi link personalizzato, quindi inserisci l’URL del sito web.
    3. Se lo desideri, puoi fare clic sull’elenco a discesa per specificare quali utenti possono visualizzare il link.
    4. Fai clic su Salva.
  3. Per sapere quali dati sull’autore Google può estrarre dalla pagina, utilizza lo strumento di test dei rich snippet

AGGIORNAMENTO

Nel 2014 questa funzionalità di Google è venuta meno. La paternità dell’articolo è stata eliminata affermando che l’immagine tra i risultati di ricerca è apparsa come non utile agli utenti e ha distratto gli stessi dai risultati.

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo
Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo

In realtà pare che pochi webmaster siano riusciti ad impostare correttamente l’authorship e dunque lo sforzo nella potenza di elaborazione dei dati di Google non sia gratificato dai risultati ottenuti.

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo. Condividi l'articolo


Articolo a cura di: Del Re Valerio
Dott. in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Sono l'ideatore del blog Robadagrafici.com e mi occupo di comunicazione visiva, grafica e web, per le aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

webdesign

Web e code script

Come trasformare codice minimizzato in codice nidificato

1 minUn codice minimizzato, si sa, favorisce le prestazioni del sito internet. Capita…

webdesign

Web e code script

Cufon e i font non web safe

2 min Se anche tu sei stanco di utilizzare i soliti font (famiglie…

webdesign

Web e code script

Come smussare angoli di immagini e div con CSS3 Border Radius

1 minCon Html5 e CSS3 il mondo del web ha fatto un notevole…