Web e code script visite 45

GOOGLE WEB FONTS | Google Font API cambia il web

1 min

google-web-font

Con i web font la prospettiva prossima è quella di cambiare rapidamente il web.

La scelta dei caratteri da utilizzare per le pagine internet non sarà più limitata. Se prima infatti il campo era limitato ai classici font installati sul computer degli utenti, grazie alla direttiva CSS @font-face qualcosa è già cambiato, ossia è possibile utilizzare qualsiasi carattere tipografico (salvo possedere la sua licenza d’uso).

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo
Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo

Sappiamo quanto sia importante cercare di evitare le immagini (di testi) nei siti web al fine di favorire l’indicizzazione dei testi presenti nelle pagine. I motori di ricerca infatti non leggono i testi presenti nelle immagini.

Poteva Google restare fuori da questo “mercato”?! Ovviamente no.
Infatti, se già con il sistema precedentemente detto tutto ciò era possibile, Google con il nuovo servizio Google Font API si ripromette di semplificare la procedura di adozione dei web fonts ampliando le possibilità creative dei web designer.

Ovviamente conviene non esagerare con l’utilizzo di queste famiglie di font, perchè rallentano leggermente lo scaricamento della pagina.

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo
Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo

Il servizio è online, gratuito e di facile comprensione, basta solo imparare poche righe di sintassi.

Come primo elemento nel tag Head inseriremo un link alle API di Google, dichiarando il font scelto nella Google Font Directory:

Poi basta formattare il testo scelto secondo del regole classiche dei css:

h1 {
font-family: 'nomedelfont';
}

NOTA BENE:

  • Nel caso in cui il nome del font sia composto da più parole, le stesse devono essere divise nel link dell’head da un + (es.: nome+del+font), mentre nel css basta inserire semplici spazi;
  • Se si vuole importare più di una famiglia di font, le stesse devono essere divise da | (es.: nomedelfont|nomedelfont)  mentre nel css si dichiara separatamente quindi il problema non sussiste;
  • E’ possibile anche richiamare un font nella sua variante (es.: nomedelfont:italic).

 

CREDITS
Google Web Fonts
GoogleFonts.com

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo. Condividi l'articolo


Articolo a cura di: Del Re Valerio
Dott. in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Sono l'ideatore del blog Robadagrafici.com e mi occupo di comunicazione visiva, grafica e web, per le aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

webdesign

Web e code script

Le migliori icone Flat Design del 2015 per i tuoi siti internet

2 minIl flat design (design piatto), ispirato allo stile minimal, si sta diffondendo…

webdesign

Web e code script

Facebook Like e Send Button in 108 lingue

2 min All’interno di questa pagina potete trovare tutti i plugin per fare…

webdesign

Web e code script

Arriva Atlas, la concorrenza di Facebook a Google

2 minÈ ufficiale: Google ha un concorrente. Si chiama Atlas ed è di…