Arte visite 49

Ai confini dell’Arte. Il “Vomit Painter” di Millie Brown

1 min

Quando la creatività diventa uno spettacolo (trash!)

L’Arte Moderna è stata già dal suo primo vagito un mondo a sé, un modo un po’ controverso di esprimere il proprio punto d vista, a volte con ironia, o con rabbia, ma sempre con una certa provocazione al comune senso di “arte”.

È così che oggi, l’ormai antiquato Pollock viene sostituito da un’avvenente performer che, come il Maestro, getta (o meglio RIGETTA) il colore sulle tele..vomitandolo!

millie x vale

Si tratta di Millie Brown, artista londinese che inizia la sua carriera all’età di 17anni ed oggi è riconosciuta come una delle artiste più affermate del Regno Unito, col nomignolo di “Vomit Painter“.

La Brown prepara le performance in 2 o 3 giorni di digiuno e le svolge in ambientazioni soft, avvolta in un’atmosfera onirica ingerisce calici di latte di soia e colori alimentari, per poi rigettarli su tela in modo da creare forme e sfumature suggestive, forse non per gli amanti dell’arte classica, ma sicuramente per i critici che hanno valutato le sue opere per migliaia di dollari.
Le sue collezioni di arcobaleno di vomito sono esposte nelle più importanti gallerie d’arte in tutto il mondo.

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo

D’altronde, chi non vorrebbe una bella tela vomitata appesa ad una parete in casa propria?!?

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo. Condividi l'articolo


Articolo a cura di: Del Re Valerio
Dott. in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Sono l'ideatore del blog Robadagrafici.com e mi occupo di comunicazione visiva, grafica e web, per le aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Potrebbe anche interessarti

arte

Arte

La Street art conquista la scuola, il murale 3D di Gaeta

1 minLa Street Art conquista sempre più pubblico e si esprime in forme…

arte

Arte

Le sculture di cibo in miniatura di Shay Aaron

“A volte bisogna pensare in piccolo per fare le cose in grande.”
Niente di più vero se si analizza il caso di Shay Aaron, artista di grande talento di Tel Aviv, creatore di impressionanti sculture di cibo in miniatura.

arte

Arte

Fame Festival 2012 Opening: graffiti e arte di strada

1 min Tempo fa vi avevo parlato di un Festival di Street Art…